Piano di Emergenza

Che cos'è il Piano di Emergenza?

Piano d ievacuazione, piano di emergenzaIl Piano di Emergenza (o Piano di Evacuazione) è lo strumento operativo, previsto dal D.M. 10/03/98, per la gestione di un’emergenza con l’obiettivo di salvaguardare l’incolumità delle persone coinvolte e l’integrità dei beni aziendali.

In particolare, per i luoghi di lavoro dove operano 10 o più lavoratori deve essere predisposto e tenuto aggiornato un Piano di Emergenza che deve contenere nei dettagli: 

a) le azioni che i lavoratori devono mettere in atto in caso di incendio; 
b) le procedure per l'evacuazione del luogo di lavoro che devono essere attuate dai lavoratori e dalle altre persone presenti; 
c) le disposizioni per chiedere l'intervento dei vigili del fuoco e per fornire le necessarie informazioni al loro arrivo; 
d) specifiche misure per assistere le persone disabili. 

Teniamo presente che nei luoghi di lavoro dove operano meno di 10 lavoratori è comunque necessaria l'adozione delle necessarie misure organizzative e gestionali da attuare in caso di incendio.

E le Esercitazioni di Evacuazione? Ogni quanto devo svolgere le Esercitazioni?

Successive alla stesura del Piano di Emergenza, vengono svolte con periodicità annuale  esercitazioni di evacuazione (chiamate anche  prove di emergenza, o prove di evacuazione) coinvolgendo i lavoratori, con lo scopo di:

- valutare l’efficacia delle procedure formalizzate nel piano di emergenza
- informare e formare il personale sulle norme comportamentali da seguire
- identificare eventuali carenze tecniche e operative

Eventuali esercitazioni di evacuazione aggiuntive, come previsto dal D.M. 10/03/98, dovranno essere svolte nel caso in cui:

- un’esercitazione abbia rilevato serie carenze e dopo che sono stati presi i necessari provvedimenti
- si sia verificato un incremento nel numero dei lavoratori
- siano stati effettuati lavori che abbiano comportato modifiche alle vie di esodo

Per informazioni o per un preventivo su misura, non esitare a contattarci!

Siamo operativi in tutta la Lombardia e non solo, ed in particolare nelle province di: 
Alessandria, Bergamo, Biella, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Mantova, MILANO (Assago, Bareggio, Buccinasco, Cesano Boscone, Cornaredo, Corsico, Cusago, Gaggiano, Pero, Rho, Rozzano, Settimo Milanese,  Trezzano sul Naviglio, etc), Monza e Brianza, Novara, Pavia, Parma, Piacenza, Sondrio, TORINO, Trento, Varese, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli...